who am I?

La mia foto
Superabile in molti campi e per molti versi. Super Abile perchè quando mi ci metto pure io combino qualcosa di sfizioso

domenica 29 luglio 2012

Il mio abito da sposa


Un'idea simpatica per condividere ancora qualche informazione e qualche emozione insieme viene dalla grandiosa MadreCreativa che, sulla scia di un noto programma televisivo scovaperfettoabitodasposa, ci propone di raccontare qualcosa delle nostre nozze e del nostro vestito.


Sin da piccina per me il matrimonio doveva essere una festa spensierata... m'immaginavo tanti amici e tanti parenti: praticamente una sagra di paese con menù pane-latteria-salame-vino rosso.
Siamo persone semplici e dai gusti non obbligatoriamente raffinati e quindi il nostro abbigliamento ha rispecchiato il clima gioviale e bonaccione della nostra cerimonia.
Non desideravo un ricco vestito alla Lady D ma qualcosa di blandamente colorato.
E' stata un'impresa perché non potevo dire che mi sposavo altrimenti le commesse facevano una faccia lol e ho mentito spacciandomi per la testimone.
Ho indossato un tubino appena sotto il ginocchio di seta plissettata color perla... era maggio e il tempo poteva assumere svariate sfumatura di temperatura (inoltre a me hanno insegnato che non si va in chiesa con le spalle scoperte) per cui ho optato per una casacca sui toni del grigio e del beige per coprirmi.
Un paio di open-toe crema tacco 8 hanno completato il tutto.
Mi sentivo bella, a mio agio, comoda... uno stile che mi rispecchia!
Con un abito con più fronzoli mi sarei sentita impacciata e meno disinvolta: sarei stonata nel nostro buffet-aperitivo organizzato in uno splendido agriturismo-fattoria didattica!
Penso di essere uno dei pochi casi di cerimonia in cui la sposa spende un terzo del budget utilizzato dallo sposo... il Bagigio ha manifestato il suo disappunto durante la celebrazione tentando di strozzarmi con il filo di perle!




15 commenti:

  1. Anche io non ho detto di essere la sposa: infatti ho comprato un vestito blu, con coprispalla in velo in tinta. Indossavo inoltre una pancia di 8 mesi e venivo accompagnata nello shopping da due figli di 18 e 34 mesi. No, non potevo proprio dire che ero io la sposina vero;D!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ero nanomunita ma fortunatamente non incinta... avrei dovuto comprarmi un tendone da circo!

      Elimina
  2. Tutte le spose hanno qualcosa di magico e non dipende dal colore del vestito!!!!! Bellissimo il tuo!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono daccordo: se una si sente bene con un tubino nero è suo diritto sposarsi così!

      Elimina
  3. Hai fatto benissimo!
    Tornassi indietro, lo rifarei anch'io, senza dubbio.
    Invece è stato come buttare i soldi dalla finestra. Bleah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia anima risparmiatrice non poteva tollerare una spesa non ammortizzabile... invece la tunica si può mettere su un jeans ed il vestito anche da solo

      Elimina
  4. Anche da me ce n'è uno!!! Passa a prenderlo!!!

    RispondiElimina
  5. Grazieeeee....ho messo il post anche sulla mia pagina facebook!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni promessa è debito e io avevo promesso di partecipare!

      Elimina
  6. che bello anche questo racconto!

    ps:ti ho nominata per un blog premio, se ti va passa da me a dare un’occhiata (http://noieilcapo.blogspot.it/2012/07/sei-stata-nominata.html) e, sempre se ti va continua la catena (se ti va!)
    francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che mi va di passare da te... sono curiosa di sapere cosa mi hai riservato

      Elimina
  7. Anche io non mi sono sposata in bianco, ma non ho mentito alle commesse. Ho detto che mi volevo sposare ma che non volevo un vestito classico...ho detto "qualcosa tipo un abito da sera?"
    Mi hanno capito e mi hanno trovato il vestito adatto!
    Il colore del tuo mi piace molto.

    RispondiElimina

dì la tua... è un tuo diritto e mi fa piacere sapere cosa ne pensi