who am I?

La mia foto
Superabile in molti campi e per molti versi. Super Abile perchè quando mi ci metto pure io combino qualcosa di sfizioso

venerdì 15 giugno 2012

Boobstagram: le tette delle donne

Chi non conosce instagram???
Nessuno, penso.
Al motto di:
Mostrare il seno sul web va bene, mostrarlo al medico è meglio!
in francia così si sensibilizza sulla prevenzione del tumore al seno... creando il social network delle tette!
Io la mia foto l'ho mandata anche se le mie non sono più a km 0.



Vi svelo un piccolo segreto... io faccio parte di quella nobile professione che vi strizza le tette!
La mammografia è un'esame che utilizza le radiazioni ionizzanti, si preme il seno e lo si tira per renderlo più omogeneo e minimizzare le sovrapposizioni delle diverse strutture.
Un seno ben tirato e ben premuto, quindi, ha vita più lunga anche se ne esce un po' inlividito.
La mammografia evidenza zone con densità anomale o con microcalcificazioni fornendo informazioni complementari all'ecografia.
Non utilizzando radiazioni, l'ecografia può venir eseguita più spesso della mammografia ed è maggiormente indicata nelle donne giovani il cui seno è più fibroso che adiposo.
Il senso degli esami di screening è individuare la patologia precocemente dando maggiori probabilità di sopravvivenza e minimizzando gli interventi medici e chirurgici necessari alla guarigione.
Per questo gli esami di screening, in genere, danno pochi falsi negativi (persone malate ma che risultano sane al test) ma molti falsi positivi (persone sane ma che risultano malate al test)... ciò significa che molto spesso è necessario integrare l'esame con altre procedure (risonanza magnetica o biopsia per esempio) per capire se il problema c'è o meno.
Fondamentale comunque, soprattutto per le donne giovani e che quindi non ricadono nella fascia d'età a maggior rischio, è l'autopalpazione del seno.
Per prima cosa dobbiamo tutte prendere l'abitudine di osservare il nostro seno e valutare se ci sono dei cambiamenti: cambiamenti come rigonfiamenti e retrazioni della pelle, forma diversa rispetto al passato e rispetto all'altro seno e perdita di liquido dal capezzolo.
Guardiamo sia di fronte che di profilo, ricordiamoci anche di alzare le braccia, tendere i muscoli pettorali e guardare la parte inferiore del seno.
Il seno si modifica durante il ciclo mestruale ed è quindi importante valutarlo tra la fine delle mestruazioni e l'ovulazione, indicativamente tra il 7° e il 14° giorno.
Per quanto riguarda la palpazione, partendo dal capezzolo, con movimenti circolari ispezionate tutto il seno senza dimenticarvi il cavo ascellare... non tutti sanno infatti che il tessuto ghiandolare continua sino nel cavo ascellare tant'è che una delle proiezioni che si acquisiscono durante l'esame mammografico serve proprio a visualizzarlo.
Se ci sono delle modificazioni tra un autoesame e l'altro consultate il vostro medico... spesso non è nulla ma perchè rimanere sulle spine con una preoccupazione così grande?
Alcuni numeri per capire quanto il problema può toccarci da vicino.

Il rischio di avere una diagnosi di tumore della mammella femminile nel corso della vita (fra 0 e 74 anni) è di 90,2‰ (1 caso ogni 11 donne), mentre il rischio di morire è di 19,8‰ (1 decesso ogni 50 donne).
E non sono così infrequenti i casi di neoplasia sotto i 30 anni: siamo tutte coinvolte!

Spesso parliamo dei nostri figli.... vogliamo vederli crescere???
Iniziamo palpandoci le tette!

Fonte statistiche: http://www.registri-tumori.it 

7 commenti:

  1. Bel post, spiegato da un professionista del settore fa tutto un altro effetto.
    Io ho fatto un ago aspirato proprio pochi mesi fa. E faccio l'eco tutti gli anni, in attesa dell'età per fare la mammografia.
    E comunque vorrei vedere le tue keywords di ingresso dopo questo post :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo che eri un pò in apprensione... Per fortuna è solo stato uno scrupoloso controllo
      What's key word... Parlami di biopsie e so barcamenarmi ma su queste cose sò 'gnurant!

      Elimina
  2. Ti ho twittata!
    La strizzata per la "mammo" non è piacevolissima, ma vuoi mettere il sospiro di sollievo se ti dico che va tutto bene e ci si rivede dopo 18 mesi ;D!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sedute mammo sono molto stressanti.... Tutte ti riversano addosso un sacco ti tensione e paranoie e non si ha mai tempo di dar il giusto spazio ad ognuna
      Un tweet da te non può, che essere un onore

      Elimina
  3. Ciao! Passo di qui per dirti che il tuo nome e il tuo blog sono stati citati nell'ebook "Niamh delle fate, una musa preraffaellita"... prova a dare un'occhiata qui: http://colorarelavita.blogspot.it/2012/06/ebook-gratis-niamh-delle-fate.html
    ;-)

    RispondiElimina

dì la tua... è un tuo diritto e mi fa piacere sapere cosa ne pensi